la somma urgenza

ARTENA 21/07/2011 La somma urgenza finalizzata all’eliminazione del pericolo per la pubblica incolumità è presupposto assolutamente derogatorio – sia sul piano tecnico che su quello amministrativo – delle ordinarie procedure: a condizione, beninteso, che ne ricorrano le circostanze di fatto e di diritto che la giurisprudenza unanimemente ha enucleato dalle norme, ovvero ”oggettiva imprevedibilità” e “non addebitabilità all’amministrazione procedente”.
Verificatisi i presupposti di cui sopra, la legge consente l’esecuzione di lavori di somma urgenza entro il limite “di quanto indispensabile per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica incolumità” (secondo quanto dispone il vigente comma primo dell’art. 147 dpr 554/99).
Entro quei limiti, la somma urgenza non soggiace nemmeno al contenimento della spesa pubblica disposta dalla leggi finanziarie.

Rimane ferma, la disciplina dei lavori di somma urgenza, contenuta nell’art. 147 del d.p.r. n. 554/99. Questa particolare fattispecie riguarda situazioni eccezionali di pericolo, che obbligano l’amministrazione ad intervenire, a prescindere da qualsiasi previa negoziazione e copertura della spesa.

La priorita’ principale e’ la tutela dell’ “ordine pubblico” secondo la procedura dell’art.147 che si riporta per esteso.

Art. 147
(Provvedimenti in casi di somma urgenza)

1. In circostanze di somma urgenza che non consentono alcun indugio, il soggetto fra il responsabile del procedimento e il tecnico che si reca prima sul luogo, può disporre, contemporaneamente alla redazione del verbale di cui all’articolo 146, la immediata esecuzione dei lavori entro il limite di 200.000 Euro o comunque di quanto indispensabile per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica incolumità.
2. L’esecuzione dei lavori di somma urgenza può essere affidata in forma diretta ad una o più imprese individuate dal responsabile del procedimento o dal tecnico, da questi incaricato.
3. Il prezzo delle prestazioni ordinate è definito consensualmente con l’affidatario; in difetto di preventivo accordo si procede con il metodo previsto all’articolo 136, comma 5.
4. Il responsabile del procedimento o il tecnico incaricato compila entro dieci giorni dall’ordine di esecuzione dei lavori una perizia giustificativa degli stessi e la trasmette, unitamente al verbale di somma urgenza, alla stazione appaltante che provvede alla copertura della spesa e alla approvazione dei lavori.
5. Qualora un’opera o un lavoro intrapreso per motivi di somma urgenza non riporti l’approvazione del competente organo della stazione appaltante, si procede alla liquidazione delle spese relative alla parte dell’opera o dei lavori realizzati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: