‘NO AL BAVAGLIO’, Il Popolo della Rete Torna in Piazza

No ‘alla riforma delle intercettazioni che mette il bavaglio alla stampa e le manette alla magistratura licenziata dalla Commissione Giustizia del Senato”. Il ‘popolo delle rete’ torna in piazza con sit-in e speakers corner contro le nuove norme sulle intercettazioni, all’esame del Senato. L’appuntamento è per oggi 21 maggio 2010 dalle 14 davanti a Montecitorio: “I cittadini italiani non vogliono la censura che scaturirebbe da questa norma. Parmalat, i fatti di Genova, la ‘Cricca del G8 e tante altre inchieste esplose in questi anni sarebbero passate senza nessuna informazione se il ddl intercettazioni fosse già stato in vigore”, denunciano gli organizzatori “Ma soprattutto per noi – popolo della rete – con le nuove norme

verrebbe di fatto impedito di diffondere le libere informazioni come facciamo da quando abbiamo scoperto che il web é anche uno spazio di libera circolazione delle notizie”. All’appello contro la “legge bavaglio” sulle intercettazioni hanno già aderito quasi 120.000 persone, gruppi, sindacati e associazioni e hanno dato il loro sostegno i costituzionalisti Valerio Onida, Gaetano Azzariti, Lorenza Carlassare, Mario Dogliani, i giornalisti Marco Travaglio, Peter Gomez, editori come Giuseppe Laterza e Lorenzo Fazio di Chiarelettere, le associazioni Articolo 21, Free Hardware Foundation, Il Popolo Viola, Valigia Blu, Festival Internazionale del Giornalismo, i sindacati Usigrai, Unione degli Studenti, e poi Current Tv, Wikimedia Italia, Boicotta il Biscione e tantissimi altri. “Chiediamo a tutti di partecipare imbavagliati” al sit in di oggi, dove sarà allestito uno speaker’s corner dal quale “ciascuno potrà manifestare il proprio dissenso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: