Perchè NON VA BENE quel Progetto di Ampliamento del Cimitero Comunale.

E’ dal 2003 che l’Amministrazione Comunale di Artena, lavora al  progetto di ampliamento del cimitero comunale. Ma anche se ci sono state delle osservazioni, presentate da alcuni cittadini nel 2004 in merito a delle valutazioni negative di carattere urbanistico, ambientali, e geologiche presenti sull’area, l’Amministrazione comunale il 06/10/2010 con la Delibera di Consiglio Comunale n. 57 ha approvato il progetto definitivo.

Perché è nato male quel progetto?

1. Perché viene previsto su un’ area dove il territorio presenta segni d’instabilità a rischio controllabile con cedimenti e scivolamenti, vedi foto, ma tuttavia l’area sarebbe idonea, salvo eventuali prescrizioni indicate dal geologo come le opere di consolidamento, ossia,  mettere in sicurezza tutto il pendio instabile, attraverso una serie di opere di sostegno da effettuarsi a monte dell’intervento (grosse palificazioni, paratie ecc) da realizzarsi prima dell’ampliamento del cimitero, ma ovviamente questo incide sui costi dei loculi e delle cappelle. 2.

 Perché viene previsto su un’area dove il terreno è a bassa permeabilità e di scarsa aggregazione, la normativa invece prevede che il terreno dell’area cimiteriale deve essere sciolto sino alla profondità di metri 2,50 o capace di essere reso tale con facili opere di scasso, deve essere asciutto e dotato di un adatto grado di porosità e di capacità per l’acqua, per favorire il processo di mineralizzazione dei cadaveri.

3. Perché viene previsto all’interno del centro abitato, su un’area protetta dai vincoli ambientali ed archeologici, la legge italiana prescrive che i cimiteri devono essere collocati alla distanza di almeno 200 metri dal centro abitato, art. 57  DPR  n. 285/1990 e quindi alla periferia di Artena.

Nuovo piano Regolatore Cimiteriale

Impegno Civico per Artena, propone al Sindaco, dato che esistono dei  validi motivi d’interesse generale, di sostituire il progetto di ampliamento, con un nuovo piano Regolatore Cimiteriale, da redigere in  conformità agli artt. 55 e 56, DPR 285/90 comma 10 Circolare esplicativa del Ministero della sanità 24/06/1993 n.24, scegliendo l’area in modo che sia preceduta da uno studio tecnico della località, specialmente per quanto riguarda l’ubicazione, l’orografia, l’estensione dell’area e la natura fisico-chimica del terreno, la profondità e la direzione della falda idrica.
Le caratteristiche geometriche del nuovo Cimitero, dovranno eliminare le barriere architettoniche presenti in quello esistente, ed avere ampi spazi, viali interni  e  facilità  per i parcheggi e di accessi, dando la possibilità ai cittadini di costruirsi  le tombe di famiglia o di raggrupparsi nei loculi nel rispetto delle indicazione tipologiche e delle norme di decoro generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: