Notizie dalla Regione Lazio e il Turbogas di Colleferro

COLLEFERRO (Rm) Per la Valle del Sacco uno sviluppo ancora poco sostenibile

 Molte associazioni locali lamentano che il prezzo pagato dal territorio è stato enorme sia dal punto di vista ambientale che sanitario, nonché economico, con la compromissione di interi settori dell’apparato produttivo, in particolare quello dell’agricoltura e
dell’allevamento, che le istituzioni non sembrano voler seriamente rimettere in funzione.
“Ora – sostiene RETUVASA (Rete per la Tutela della Valle del Sacco) – il PUGC (Piano Urbanistico Generale Comunale) di Colleferro prevede la delocalizzazione e reindustrializzazione dell’area, mascherata dal concetto di sviluppo sostenibile. Ovvero, pare di capire, bonifichiamo i siti più inquinati, costruiamoci sopra palazzi, e spostiamo le industrie a inquinare poco più in là. Il tutto odora di speculazione edilizia, come l’idea di destinare a servizi aeroportuali 300 ettari di territorio tra Ferentino e Frosinone.
Una delle priorità della delocalizzazione industriale è la necessità di energia elettrica per il funzionamento delle aziende.
L’immobiliare SE.CO.SV.IM. che detiene il terreno, pur mancando certezze riguardo alla delocalizzazione, ha preventivamente richiesto l’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) agli uffici competenti della Regione Lazio per realizzare una centrale a ciclo combinato (Turbogas) da 82MWt. L’aumento di potenza viene giustificato con la possibilità di nuovi insediamenti produttivi. Tale centrale si insedierebbe in direzione Ovest/Nord-Ovest, verso Artena, a circa 3,5 Km da Colleferro. Ciò richiederebbe la posa di un elettrodotto e di un metanodotto della lunghezza di circa 4 Km, che partirebbe da Colleferro. Tale progetto comporterebbe un nuovo rilevante consumo di territorio, fruibile
esclusivamente dalle aziende presenti. Il terreno previsto è sorprendentemente sproporzionato rispetto all’occupazione attuale (circa 600 addetti per AVIO SpA e circa 170 per Simmel Difesa SpA). Viene da chiedersi se questi studi di fattibilità siano così tendenziosi per semplice interesse o per imperizia…
Nel SIA (Studio Impatto Ambientale) relativo alla Turbogas si sottolinea la rilevanza dell’inquinamento da PM10 che grava su Colleferro, seconda in graduatoria nella Regione Lazio, con Frosinone al primo posto ed Anagni al quarto (dati ARPA Lazio 2008). Si nota anche che l’introduzione del bollino blu, sempre a Colleferro, non ha sortito gli effetti desiderati. Forse si comincia a realizzare che l’inquinamento da PM10 non si origina solo dal traffico veicolare…
C’è anche una good news. In Regione Lazio è stato presentato un progetto con investimenti privati, in attesa di VIA (Valutazione Impatto Ambientale), per un parco fotovoltaico denominato “Gli elementi” (Aria, Acqua, Terra, Fuoco) in località Colledoro (Colleferro), che produrrebbe circa 24 MW suddivisi in quattro sotto-parchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: