TURBOGAS – Un Tavolo Tecnico tra Regione, Provincia e Comune

Comune di Colleferro

C O M U N I C A T O  S T A M P A

IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA UN ORDINE DEL GIORNO SULLA CENTRALE: SUBITO UN TAVOLO TECNICO TRA REGIONE, PROVINCIA E COMUNE

Il Consiglio comunale ha approvato ieri un ordine del giorno con il quale impegna il Sindaco a chiedere alla Società Termica Colleferro di sospendere i lavori per la centrale cogenerativa in costruzione nel comprensorio industriale di Colleferro, al IV Km., in attesa dell’istituzione di un tavolo tecnico che vedrà Regione Lazio, Provincia di Roma e Comune di Colleferro confrontarsi sulle questioni riguardanti l’impianto stesso. Nell’ordine del giorno viene, infatti, considerata anche la assoluta necessità di anticipare ad uno dei prossimi giorni lo stesso tavolo di lavoro che la Regione ha fissato per il 14 dicembre.

Il consesso comunale, che era stato convocato per dibattere sulla Mozione presentata in data  28 settembre 2010, volta ad ottenere la sospensione dei lavori di costruzione della centrale, dopo attenta discussione, ha ritenuto di non approvare la Mozione stessa nella volontà di evitare facili e possibili strumentalizzazioni del caso. “Non è una questione politica – ha detto il Sindaco Mario Cacciotti, ricordando l’iter che ha portato Regione e Provincia ad autorizzare la costruzione della centrale, che dovrà sostituirne una attualmente in funzione ed ormai obsoleta – ma una questione tecnica. Per questo, venendo incontro alle richieste degli abitanti, abbiamo commissionato al CNR e all’Università La Sapienza una relazione, dalla quale si evince, come sapevamo, che tale impianto è il meno inquinante tra quelli esistenti per la produzione di energia elettrica. E per questo è necessario che ci ritroviamo, subito, intorno a un tavolo per esaminare il caso specifico con l’aiuto di tecnici qualificati che possano offrirci le indicazioni utili ad avere risposte certe e chiarificanti ad ogni quesito che ci è stato posto fino ad oggi, per tutelare la salute pubblica e dare le indispensabili rassicurazioni alla popolazione, evitando comunque ogni strumentalizzazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: